Doctor Olio

 

L’olio d’oliva è amico non solo della gola ma anche della vostra salute. Fa bene e potrebbe fare anche meglio se lo si utilizzasse regolarmente in cucina.

I grassi sono sicuramente un elemento importante nella nostra alimentazione, ma scelte alimentari errate possono portare serie conseguenze.

Alimento principale della dieta mediterranea, l’olio d’oliva contiene per l’80% acido oleico, grasso monoinsaturo che riduce la concentrazione di LDL (colesterolo “cattivo”); è quindi un grasso “buono”.

Studi scientifici hanno dimostrato che consumare olio d’oliva riduce del 30% il rischio di infarto al miocardio; favorisce l’abbassamento della pressione arteriosa; previene il rischio di arteriosclerosi; agevola la digestione; riduce la secrezione di acido gastrico venendo in aiuto a chi è affetto da ulcera.

E’ utile nella prevenzione dei tumori. Si pensi che l’incidenza dei tumori al seno nelle donne del Nord Europa è maggiore rispetto alle donne che vivono nei paesi del Mediterraneo, forti consumatrici di olio extravergine d’oliva.

E’ raccomandato per l’alimentazione degli anziani per la sua alta digeribilità e per favorire l’assimilazione dei sali minerali e delle vitamine. Stimola infine la mineralizzazione delle ossa ed evita perdite di calcio.

L’olio extravergine di oliva è il grasso più indicato per l’alimentazione, in quanto è facilmente digeribile, regola il funzionamnento del fegato, della bile e dell’intestino, favorisce l’assorbimento delle vitamine A, D e K e contribuisce a rallentare i processi di invecchiamento delle cellule.

Una recente indagine, inoltre, consiglia vivamente l’utilizzo di olio extravergine d’oliva alle future mamme in dolce attesa in quanto l’olio extravergine di oliva presenta una composizione equilibrata di acidi grassi polinsaturi simile a quella del latte materno.

È una buona fonte alimentare di acidi grassi che l’organismo non è in grado di sintetizzare.

È dunque molto indicato per la nutrizione dei lattanti e del bambino svezzato.

E’ anche il più indicato per le fritture, poiché raggiunge elevate termotemperature senza alterarsi.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...